La Spezia - Provincia di Genova dei Frati Minori Cappuccini

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Spezia

Conventi > Altri conventi

Via XX Settembre, 150
19100 La Spezia

Durante la peste, comparsa alla Spezia nel 1579, il parroco di Marinasco, saputo l'arrivo di alcuni Cappuccini diretti a Sarzana, ottenne che si fermassero per prestare aiuto. L'opera di questi religiosi riuscì tale che gli spezzini, scomparso il morbo, deliberarono di offrir loro un convento. Si pensò subito all'ex convento francescano sito sulla collina di «Ferrara» e senz'altro si pose mano ai lavori di adattamento che iniziarono nel 1588, mentre i frati erano alloggiati in poche stanze presso l'oratorio di S. Bernardino. Nel 1600 parte del convento rovinò. Il 10 luglio 1798 il governo della Repubblica ligure decretò di porre nel giardino dei Cappuccini una batteria a difese del porto e il 5 dicembre si impossessò anche del convento imponendo ai frati di uscirne. Con la vittoria degli austro-russi sul generale MacDonald, nel 1799 i Cappuccini riebbero il convento; ma venne la soppressione del 1810 e nuovamente dovettero lasciarlo. Con l’annessione della Liguria al Piemonte, nel 1815, alcuni frati rientrarono nel loro convento. Nel 1848 la chiesa dovette ospitare le truppe che fortunatamente vi rimasero poco tempo, ma nel maggio 1857 i frati ricevettero l'ingiunzione dal Governo sardo di evacuare il convento e di trasferirsi a Lerici; qualche anno dopo chiesa e convento furono rasi al suolo per far posto ad una batteria. Il convento attuale è sorto per iniziativa del P. Alfonso da S. Margherita Ligure, nel 1930, come santuario votivo dei marinai caduti in guerra. Nel 1960 è stato costituito parrocchia.

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu